Cronaca

Covid-19, Uil e UilFp, intervenire subito per evitare una nuova Codogno

MESSINA – La UIL e la UIFPL di Messina – scrivono in una lettera indirizzata all’Assessore Ruggero Razza e alla Procura di Messina – ritengono per i recenti e gravissimi fatti accaduti di nuova diffusione del virus COVID-19 che ha contagiato diversi operatori in servizio presso il Poliambulatorio ex INAM di Via del Vespro, recentemente sanificato per precedenti casi positivi, dei quali i risultati dei tamponi sono stati comunicati con notevole ritardo tra cui parecchi con esito dubbio. Tutto ciò può essere causa di un grave focolaio in quanto i dipendenti coinvolti hanno continuato le relazioni con i familiari e soprattutto i contatti diretti con l’utenza per svolgere il proprio il lavoro , tutto ciò è una grandissima vergogna in un paese civile aggravata dal fatto che moltissimi lavoratori erano sprovvisti dei DPI previsti. Inoltre, anche per i fatti accaduti in diversi Presidi Ospedalieri, per inosservanza di procedure o in qualche caso per rigidità mentale da parte di qualche direttore medico di presidio, oltre ad esprimere fortissima preoccupazione per la probabilità di esplosione di nuovi focolai che possono coinvolgere il territorio messinese, ritiene che non c’è più tempo da perdere da parte della S.V., che nel caso di mancato intervento dovrà assumersi in solido la responsabilità diretta di quanto sta accadendo nella Provincia di Messina.

Chiediamo con forza – continuano Ivan Tripodi, Pippo Calapai e Mario Salvatore Macrì –  un suo tempestivo intervento per interrompere la malagestione dell’ASP di Messina con la nuova nomina di un Commissario Straordinario, di indubbie capacità che possa garantire sicurezza dei lavoratore e dei cittadini.
Stesso problema, segnalano i tre Sindacalisti, anche all’IRCCS Neurolesi dove sono emersi fatti inquietanti di mala gestione. Solo per citarne alcuni: esplosione di un focolaio presso lo stabilimento di riabilitazione di Casazza; contagio di lavoratori per mancato rispetto di procedure presso la U.O. di Ortopedia che hanno creato notevole panico tra i lavoratori e le loro famiglie.
La UIL e la UILFPL di Messina chiedono la rimozione del Direttore Generale per dimostrata inadeguatezza sulla gestione di tale importante problematica, nonché l’immediata rimozione del Direttore medico di presidio che ha dimostrato ampiamente le sue incapacità nella gestione igienico-organizzativa nell’affrontare le numerose problematiche che sono sorte all’interno dell’IRCCS Neurolesi sino ad oggi e che hanno procurato notevole panico sociale.

Testata registrata presso il ROC al n.25404.
Direttore Responsabile Giovanni Gentile Tutti i contenuti de lagazzettamessinese.it sono di proprietà di Soc. Cooperativa Sociale “COMPAGNIA DEI SERVIZI” P.I. 03175420839.

Scarica l'App de LaGazzettaMessinese.it

Copyright © 2015 - 2018 Soc. Cooperativa Sociale “COMPAGNIA DEI SERVIZI”

In alto