Archivio

I Pidoni

pidoniMESSINA – Parliamo di un prodotto da rosticceria che divide la popolazione messinese per quanto riguarda il nome (Pidone – Pitone), ma unisce tutti quando si parla di gusto e bontà. Che si chiami Pidone o Pitone, la sua presenza nei banchi delle rosticcerie della città mette di buon umore; con la sua forma a mezzaluna e  il colore dorato, indice di  una frittura perfetta, è il rustico per eccellenza totalmente Messinese. La tradizione della città dello stretto lo vede sempre presente in ogni occasione dove siano presenti i cosidetti rustici, e soprattutto in passato le massaie lo utilizzavano come alimento diversivo nelle giornate di festa o in occasioni, particolari o impreviste, dove in poco tempo era necessario preparare qualcosa di buono e appetitoso.

Ingredienti per l’impasto:

500 grammi di farina 00
500 grammi di farina di semola di grano duro rimacinata
100 grammi di strutto
100cc vino bianco
Sale q.b.                                                                                                                                                                                           Acqua q.b.

Per il ripieno:

Pomodori maturi
Scarola
Olio extravergine d’oliva per condire
Acciughe salate
Formaggio a pasta filata
Olio di semi  per friggere

Procedimento:

Lavorare le farine con lo strutto, aggiungendo, poco per volta,  l’acqua necessaria che consenta di ottenere un impasto liscio non troppo morbido  ed elastico, durante l’impasto versare poco per volta anche il vino. Far riposare per almeno trenta minuti.
Intanto preparare il condimento tagliando finemente la scarola,  condita con olio extravergine d’oliva e po’ di sale; quindi  i   pomodori tagliati a pezzetti e sgocciolati, spezzettate le acciugne e tagliate a listelli il formaggio.
Dall’impasto ricavare delle palline dal peso di circa 100 grammi, spianarli in modo da ricavare dei dischi non troppo sottili. Depositare il condimento in metà del disco e ripiegarlo a mezza luna in modo da sigillare dentro il condimento. Chiudere bene i bordi con l’apposita rotella, quindi friggere in una casseruola alta piena di olio ben caldo (170°) e servire.

Testata registrata presso il ROC al n.25404.
Direttore Responsabile Giovanni Gentile Tutti i contenuti de lagazzettamessinese.it sono di proprietà di Soc. Cooperativa Sociale “COMPAGNIA DEI SERVIZI” P.I. 03175420839.

Scarica l'App de LaGazzettaMessinese.it

Copyright © 2015 - 2018 Soc. Cooperativa Sociale “COMPAGNIA DEI SERVIZI”

In alto