Cronaca

La protesta – Ristori non ne arrivano e io non ho un centesimo, sabato riapro il mio locale

MESSINA – Un’economia sempre più al collasso, la mancanza degli aiuti promessi dallo stato sta spingendo gli imprenditori a gesti di disobbedienza. E’ il caso di un noto ristoratore messinese che nel suo profilo fb preannuncia l’apertura del suo locale sabato prossimo. Scrive nel suo post che l’Ordinanza anticovid, più restrittiva, di Messina non sarebbe stata rispettata lo scorso fine settimana. Da qui la decisione di aprire il suo locale sabato prossimo con la modalità “asporto”. Lo sfogo del titolare della “Trattoria Pizzeria Il Picchio”, di Messina, è da inserire nel vastissimo malcontento che sta colpendo la categoria strangolata dalle decicioni governative in materia di contrasto alla pandemia da Covid-19. La ristorazione assieme a bar e palestre sembra essere un’attività che più di altre consenta la diffusione del virus, il lock-down imposto (secondo il colore) a livello nazionale e le farraginose procedure per usufruire dei rimborsi economici, derivanti dalla imposizione di chiusura delle attività, sono veleno per l’economia, a maggior ragione in città come Messina, dove l’attività trainante per l’economia non è certo l’industria.

Testata registrata presso il ROC al n.25404.
Direttore Responsabile Giovanni Gentile Tutti i contenuti de lagazzettamessinese.it sono di proprietà di Soc. Cooperativa Sociale “COMPAGNIA DEI SERVIZI” P.I. 03175420839.

Scarica l'App de LaGazzettaMessinese.it

Copyright © 2015 - 2018 Soc. Cooperativa Sociale “COMPAGNIA DEI SERVIZI”

In alto