News

Lipari – Soppressione Tribunale, nota degli On.li Navarra e De Domenico

MESSINA – In merito alla soppressione, a Lipari,  della sezione staccata del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, registriamo l’intervento degli Onorevoli Pietro Navarra e Franco De  Domenico, con la seguente nota congiunta:

Stiamo seguendo con apprensione la vicenda che coinvolge la  Sezione distaccata di Lipari del Tribunale di Barcellona P.G. e stiamo ponendo in essere tutte le azioni possibili per evitarne la soppressione.
Si tratta – giova ricordarlo – dell’ennesimo tassello di una vicenda iniziata nel 2012, quando  il Governo decise la chiusura di tutte le 220 sezioni distaccate di Tribunale presenti sul territorio nazionale.  La sezione di Lipari fu soppressa nel settembre 2013, ma l’anno successivo il Governo, ponendo rimedio al macroscopico errore, ne decretò la riapertura (insieme a quelle di Ischia e di Portoferraio, all’Isola d’Elba), tenendo in considerazione i disagi legati all’insularità ed alla specificità territoriale. Tale decisione era stata poi prorogata fino al 31 dicembre 2018.
Tuttavia l’attuale Esecutivo, attraverso il cosiddetto decreto “milleproroghe”, ha previsto la concessione di un’ulteriore proroga dell’apertura delle sezioni distaccate insulari esclusivamente per il territorio di Ischia, escludendo Lipari e Portoferraio, nonostante il parere positivo al loro inserimento espresso dalle competenti commissioni parlamentari.
Su nostra sollecitazione, il PD ha già presentato un emendamento in Senato, primo firmatario Davide Faraone (insieme ai componenti della Commissione Giustizia: Giuseppe Cucca, Monica Cirinnà e Valeria Valente), affinché all’atto dell’approvazione del “milleproroghe” questa incomprensibile scelta venga modificata. Inoltre, saremo pronti a vigilare, qualora si rendesse necessario, nel momento in cui il decreto sarà discusso alla Camera.
Riteniamo indispensabile che tutta la deputazione messinese, compresi gli esponenti delle forze di governo, si schieri compatta contro la soppressione, raccogliendo – come abbiamo fatto noi – le istanze del territorio e le sollecitazioni del sindaco di Lipari Marco Giorgianni, della sua Giunta e del Consiglio comunale.
È impensabile che i cittadini eoliani non vengano messi nelle condizioni ideali per accedere ai servizi primari, tra i quali appunto quelli giudiziari; che gli operatori della giustizia (appartenenti alle forze dell’ordine, avvocati, ecc.) che operano nell’arcipelago debbano affrontare quotidianamente la trasferta a Barcellona P.G.; che un cittadino, anche solo per rendere una testimonianza, rischi di rimanere bloccato per giorni sulla terraferma in caso di condizioni meteomarine avverse. Ancora più incomprensibile è il fatto che, stando a quanto abbiamo appreso, la soppressione sarebbe legata ad un parere del Presidente del Tribunale di Barcellona P.G., il quale avrebbe segnalato come la carenza di personale renda difficile l’attività della Sezione di Lipari. Anche qualora tale notizia trovi conferma, riteniamo che un Governo rispettoso delle esigenze delle comunità, specie di quelle più disagiate, debba rispondere al problema risolvendolo (attraverso un potenziamento dell’organico) e non eliminandolo, mediante la soppressione degli uffici. Siamo e saremo al fianco di tutta la cittadinanza eoliana  in questa battaglia di civiltà, utilizzando ogni strumento a nostra disposizione: la soppressione della Sezione distaccata di Lipari è un torto che, in uno Stato di diritto, i cittadini eoliani non possono subire.

In alto