Cronaca

Riqualificare l’Ex Opera Pia Scandurra di Contesse

opera-pia-scandurra-contesse-1_800x450

MESSINA – Il Consiglieri della seconda circoscrizione Rosario Santoro, Giuseppe Crimi e Davide Siracusano intervengono sullo stato in cui versa l’ex Opera Pia Scandurra a Contesse.

“L’edificio  Ex Opera Pia Scandurra è un immobile pubblico che sorge in via Contesse bassa tra Contesse ed il rione Unrra  un edificio composto da tre piani più terrazza circondato da terreni dati in affitto ad orto costruito tra il 1958 ed il 1964 con un finanziamento regionale di 3.900.000 lire dell’epoca. La consistenza dell’edificio è di 500 mq coperti e 5.000 mq di terreno,  è intitolato a Nino Scandurra soldato morto nella prima guerra mondiale. L’originaria funzione era quella di sostenere attività di assistenza all’infanzia e beneficienza, secondo il volere di Bozzi fondatore nel 1950 dell’Opera Pia Scandurra, utilizzato come colonia estiva della Regione e fino al 2000 sede dell’istituto Majorana. Nel 2007 è subentrata la cooperativa sociale Azione sociale.

Considerando che  per la realizzazione della struttura è stata utilizzata una  considerevole spesa che non si può sprecare in tal modo lasciando la struttura nel degrado e nell’abbandono totale, tanto che tutto intorno è  divenuta una discarica e i locali sono stati  vandalizzati dopo essere rimasti chiusi ed inutilizzati ormai da parecchi anni. In questi ultimi tempi sono avvenuti furti di arredi, cavi, porte, finestre e quant’altro asportabile.

opera-pia-scandurra-contesse-2Al momento l’edificio necessita di un intervento di ripristino che prevede certamente un impegno economico gravoso che bisogna quantificare per i lavori  di adeguamento  e di  fruibilità per i servizi che si vogliano istituire.

Sarebbe opportuno una volta recuperata l’Opera Pia che essa divenga  un ottimo plesso per le esigenze scolastiche del territorio tale struttura infatti si presta a tale servizio come d’altronde è avvenuto in precedenza, come richiesto dalle autorità scolastiche della Salvo D’Acquisto. Ma allo stato attuale nelle condizioni in cui si presenta non può essere usufruito pertanto bisognerà interfacciarsi con il dott. Messina attuale commissario dell’Opera con la Regione ed il Comune per discutere sul suo recupero e l’assegnazione relativa. La funzione scolastica pare la più opportuna data la carente situazione dei plessi scolastici del quartiere che è molto carente in aule in rapporto alla popolazione scolastica in crescita notevole sia all’Unrra che a Minissale oltre  che a Zaffaria. Bisogna ricordare la avvenuta chiusura della Polimeni Zumbo di Contesse  e l’imminente chiusura del plesso Policlinico per sfratto in quanto i locali occupati servono alla struttura ospedaliera. Naturalmente il recupero deve passare dalla sinergia tra la Regione, L’Opera Pia Scandurra ed il Comune dati gli ingenti investimenti necessari.”

In alto