Cronaca

Spacca una bottiglia in testa al presunto rivale in amore, manette per un 41enne di Messina

MESSINA – Gli uomini delle Volanti sono intervenuti nella notte tra sabato e domenica scorsi, a seguito di una chiamata giunta alla Centrale Operativa, che segnalava, ad opera di un gruppo di catanesi, una rissa con feriti. I Poliziotti, giunti sul posto hanno trovato una situazione che non corrispondeva a quanto segnalato alla Centrale poco prima. In mezzo al fuggi fuggi generale degli astanti – innescato dall’evidente paura per eventuali ritorsioni –  a fornire dettagli sull’accaduto, il personale della Polizia di Stato è riuscito a ricostruire la dinamica dell’aggressione avvenuta. Un uomo, identificato in Giuseppe Spartà, 41 anni messinese aveva aggredito un giovane sorpreso di spalle, dapprima colpendolo con una cinghia, poi spaccandogli una bottiglia di vetro in testa. Non soddisfatto, avrebbe continuato ad infierire sul ragazzo sanguinante con calci e pugni; la colpa della vittima sarebbe stata quella di essere l’attuale fidanzato della sua ex. Gli Agenti hanno potuto appurare che la chiamata alla Centrale Operativa della Polizia era stata fatta dallo stesso Spartà, col chiaro intento di depistare le indagini. Giuseppe Spartà, già con precedenti è stato arrestato e sottoposto ai domiciliari, misura che è stata confermata dal Processo per direttissima che ha subito nella giornata di ieri.

Testata registrata presso il ROC al n.25404.
Direttore Responsabile Giovanni Gentile Tutti i contenuti de lagazzettamessinese.it sono di proprietà di Soc. Cooperativa Sociale “COMPAGNIA DEI SERVIZI” P.I. 03175420839.

Scarica l'App de LaGazzettaMessinese.it

Copyright © 2015 - 2018 Soc. Cooperativa Sociale “COMPAGNIA DEI SERVIZI”

In alto