Cronaca

Urologia – Firmata una convenzione tra il Papardo e L’Università di Modena

MESSINA – E’stata firmata la convenzione tra la Divisione di Urologia dell’Ospedale Papardo, diretta dal Primario Dott. Francesco Mastroeni e la Clinica Universitaria di Urologia di Modena diretta dal Prof. Salvatore Micali.

Il Direttore Generale dell’Azienda Papardo di Messina, Dott. Mario Paino e il Rettore Prof. Carlo Porro dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia hanno attivato la convenzione che prevede una collaborazione fra le due realtà urologiche con reciproche interazioni sia di tipo scientifico che di tipo chirurgico.

La scuola urologica di Modena nasce nel 1996 con il Prof. Walter Artibani, successivamente dopo qualche anno ha preso le redini il Prof. Giampaolo Bianchi, che è stato il Professore del Dott. Mastroeni durante la Scuola di specializzazione di Verona e successivamente il Suo Primario presso l’Ospedale Cattinara di Trieste e successivamente una volta insediatosi a Dirigere la clinica Urologica e la Scuola di Specializzazione di Modena, il Direttore del Prof. Salvatore Micali.

Uno dei programmi che si sono stati prefissati da questa collaborazione è la gestione ed il trattamento delle grosse masse neoplastiche renali, tema molto a cuore al Prof. Gaetano Mobilio già dal 1960.

Il Prof. Gaetano Mobilio è stato il Direttore della Divisione Clinicizzata e della Scuola di Specializzazione in Urologia dell’Universita’ di Verona e creatore di una Scuola di alta professionalità con degli alti valori morali che contraddistinguono un padre di famiglia. Negli ultimi dieci anni l’urologia ha avuto una forte evoluzione verso le tecniche chirurgiche mini-invasive ed endoscopiche, parallelamente allo sviluppo tecnologico dello strumentario e delle fibre ottiche. Dal 2002 presso l’Università di Modena si è iniziato ad eseguire i primi interventi di laparoscopia e di litotrissia percutanea, grazie alla consolidata esperienza del prof. Bianchi. Altro oggetto di interesse della scuola è stata la trapiantologia con la creazione, già dagli anni novanta, della equipe Nefro-Uro-Vascolare per il trapianto di rene. Nel 2006 con l’introduzione del robot Da Vinci presso il nuovo ospedale di Baggiovara, integrato al policlinico di Modena, si è rafforzato il concetto di chirurgia non invasiva per le patologie oncologiche. Assieme a Bologna, Modena si è fatta carico della formazione degli urologi dell’Emilia Romagna. La rete formativa di Modena si è allargata negli anni lungo la via Emilia, comprendendo le seguenti strutture: Parma, Guastalla, Fidenza, Sassuolo, Carpi, Reggio Emilia. Da quest’anno, grazie alla sinergia del Dott. Francesco Mastroeni e del Prof. Salvatore Micali, che in atto dirige la la Scuola di Specializzazione Modenese è stata effettuata la convenzione per quattro anni tra le due realtà urologiche italiane.

Attualmente la scuola urologica di Modena, mantenendo l’interesse verso la chirurgia mini-invasiva ed oncologica, forma 7 specializzandi per anno ed alcuni di questi provengono dal sud Italia. Dato il forte legame che lega il Prof. Micali alla città di Messina ed ai rapporti con il Primario dell’Urologia.

Nei prossimi mesi verranno inviati presso l’Azienda Papardo dei Medici afferenti alla Scuola di specializzazione dell’Università di Modena e Reggio Emilia al fine di poter conseguire ulteriori percorsi professionali alla loro formazione universitaria.

Verranno eseguiti dei protocolli e dei lavori scientifici in sinergia tra le due Strutture formative mettendo a disposizione delle casistiche piu’ ampie che potranno portare a dei risultati statisticamente più rilevanti in ambito scientifico.

Testata registrata presso il ROC al n.25404.
Direttore Responsabile Giovanni Gentile Tutti i contenuti de lagazzettamessinese.it sono di proprietà di Soc. Cooperativa Sociale “COMPAGNIA DEI SERVIZI” P.I. 03175420839.

Scarica l'App de LaGazzettaMessinese.it

Copyright © 2015 - 2018 Soc. Cooperativa Sociale “COMPAGNIA DEI SERVIZI”

In alto