Cronaca

Il programma della Festa degli Spampanati

MESSINA – La Festa degli Spampanati, iniziativa storica che affonda le radici nel XV secolo, come testimoniato dal reverendo padre Placido Samperi, è così chiamata per l’abitudine delle popolane del rione di indossare nell’occasione abiti sgargianti come segno di rinascita.

Il programma delle iniziative prevede per la Domenica di Pasqua:

  • alle 8.00, solenne processione lungo le vie T. Cannizzaro, Centonze, N. Bixio con il tradizionale “volo degli uccelli” e Ghibellina; alle 9.40, incontro dei Simulacri davanti alla Basilica di S. Antonio con la benedizione solenne del Rettore, e proseguimento del corteo religioso verso le vie A. Martino, Cernaja e C. Battisti;
  • alle 10.15, sosta alla chiesa di San Giuseppe in via I Settembre;
  • alle 10.30, a piazza Duomo, incontro dei Simulacri davanti la Basilica Cattedrale e attraversamento di corso Cavour e via A. Martino;
  • alle 11.15, ingresso dei due Simulacri al Santuario parrocchia S. Maria del Carmine con la solenne benedizione del parroco don Gianfranco Centorrino e continuazione della processione per le vie XXIV Maggio, San Domenico Savio, sosta alla chiesa dei Salesiani, San Giovanni Bosco, F. Bisazza, A. Borelli, L. Nicotra, sosta alla chiesa San Camillo, viale P. Umberto, P. Castelli e T. Cannizzaro;
  • alle 14.30, rientro in chiesa con tradizionale incontro;
  • dalle 17.00, intrattenimento per bambini con gonfiabili e giochi interattivi e, dopo la Messa delle ore 18.00 sorteggio di una statua raffigurante Gesù risorto;
  • alle 19.00 replica dell’incontro dei due Simulacri davanti la chiesa seguito dalla distribuzione dei fiori delle Barette e alle 22.00 spettacolo pirotecnico conclusivo.
In alto