All News

Inaugurata la nuova Unità di Terapia Intensiva Cardiologica del Policlinico di Messina

MESSINA -È stata inaugurata oggi la nuova terapia intensiva coronarica dell’AOU G. Martino di Messina. Un ulteriore step nel processo di rinnovamento della Cardiologia che già nei mesi scorsi ha visto l’apertura della nuova UOSD di Cardiologia Interventistica, diretta dal Prof. Antonio Micari.
La nuova terapia intensiva coronarica (UTIC), guidata dal Prof. Gianluca Di Bella, ha 12 posti letto monitorati con i più efficienti e moderni standard tecnologici e rappresenta la terapia intensiva cardiologica più grande della città di Messina e dell’intera Sicilia.

Una progettazione, quella seguita nella realizzazione dei lavori, che ha tenuto conto dell’importanza di percorsi, spazi e dotazione strumentali in grado di offrire un’elevata assistenza e sicurezza, ma che al contempo tutela la riservatezza assicurando il confort di pazienti e operatori sanitari. Presente anche una stanza degenza di isolamento a pressione negativa per i pazienti con malattia cardiaca acuta associata a problemi infettivi.

L’UTIC si estende per una superficie di circa 500 metri quadrati ed è all’interno di una progettualità di un’area estesa dedicata alle malattie cardiovascolari (circa 2000 metri quadrati del II piano del pad E). L’area di degenza dedicata alle malattie cardiovascolari, oltre i 12 posti letto UTIC, include anche 10 posti di degenza ordinaria e 2 posti in Day Hospital. Un reparto che si affianca alla cardiologia interventistica dotata di due sale di emodinamica tra le più avanzate a livello europeo sul fronte tecnologico, un’area risveglio e spazi dedicati all’attività ambulatoria, con oltre dieci ambulatori attivi.

 

Testata registrata presso il ROC al n.25404.
Direttore Responsabile Giovanni Gentile Tutti i contenuti de lagazzettamessinese.it sono di proprietà di Soc. Cooperativa Sociale “COMPAGNIA DEI SERVIZI” P.I. 03175420839.

Scarica l'App de LaGazzettaMessinese.it

Copyright © 2015 - 2018 Soc. Cooperativa Sociale “COMPAGNIA DEI SERVIZI”

In alto